Skip to content
Home » Blog » Sentirsi in colpa perché si sta bene

Sentirsi in colpa perché si sta bene

    Gli utenti fanno spesso domande ai propri psicologi riguardo il proprio senso di colpa. Tuttavia, ora sentiamo parlare molto spesso di una forma particolare di senso di colpa: il senso di colpa per il proprio benessere.

    “Io sto bene, ma i miei amici e la mia famiglia hanno perso la casa. Come posso acquistare un nuovo divano per il mio appartamento sapendo questo?”

    “Non ho il diritto di provare gioia quando ad altre persone è accaduta una tale disgrazia.”

    “Come posso vivere tranquillamente se a me va tutto bene, ma le case di tante persone sono state distrutte e i loro cari sono morti?”

    Quando in tutto il mondo c’è molta paura, ansia, rabbia e terribile sofferenza, abbiamo la sensazione di ricevere il segnale che i nostri sentimenti siano in qualche modo “sbagliati”, se non corrispondono a ciò che è “socialmente accettabile” provare in momenti come questo. Se vivi la tua “vita come al solito”, sembri un mostro insensibile.

    Il giudizio morale è innescato e adesso sembra “essere immorale provare gioia, comprare vestiti nuovi, mangiare un gelato o guardare un film”. Dopotutto, al momento non tutti possono permetterselo.

    In psicologia, si parla di “sindrome del sopravvissuto”, quando una persona sviluppa un senso in colpa per essere sopravvissuta a un incidente d’auto, a operazioni militari o una catastrofe naturale, mentre altre persone non ce l’hanno fatta. Ora un numero enorme di persone sta vivendo un senso di colpa di questo tipo. Alcuni hanno lasciato un paese attualmente non sicuro e pensano a quelli che sono rimasti. Altri vedono i terribili eventi dall’esterno e si chiudono a riccio, pensando di non avere il diritto di vivere.

    Se conosci questa sensazione, devi ripeterti regolarmente quanto segue:

    1. Questi eventi NON SONO COLPA MIA.

    2. HO IL DIRITTO di entrare in empatia con gli altri senza mettere in pausa la mia vita.

    3. Non renderò NESSUNO migliore se rendo infelice la mia vita – non aiuta.

    4. NESSUNO HA IL DIRITTO di farmi sentire in colpa per qualcosa di cui non sono colpevole.

    5. Anche la mia vita è PREZIOSA.

    Se non sei in grado di affrontare il senso di colpa, è importante parlarne con uno specialista, o con una persona che sappia ascoltare senza giudicare. È importante non lasciare il senso di colpa dentro di te: bisogna parlarne e farlo uscire.

    Se hai le risorse per aiutare qualcuno, fallo. Aumenterai il bene nel mondo e ti farà sentire meglio.

    Seguici su Instagram: