Home » Blog » I miei genitori mi disapprovano. Che cosa posso fare?

I miei genitori mi disapprovano. Che cosa posso fare?

Fin dalla nascita, i nostri genitori occupano un posto speciale nella nostra vita. Qualunque cosa sia accaduta in passato, è difficile essere apertamente arrabbiati con loro, ignorarli o trascurarli. In fin dei conti, si tratta dei nostri genitori. Quando diventiamo adulti, hanno ancora un grande potere su di noi, anche quando il rapporto con loro non è dei più facili.

Viviamo le nostre vite come possiamo. Idealmente, nel modo in cui vogliamo e in cui pensiamo sia appropriato. Ma affrontare la disapprovazione dei genitori può essere piuttosto sconvolgente e destabilizzante.

Elisa ha 26 anni. Vive da molto tempo da sola. Ha un buon lavoro in banca e, allo stesso tempo, studia. Di recente si è fatta un tatuaggio sul braccio: lo sognava da molto tempo ed è molto soddisfatta del risultato. Quando Elisa è andata a trovare i suoi genitori per un fine settimana, hanno visto il tatuaggio. Sua madre ha detto: “Pensavo fossi una ragazza intelligente…”. E suo padre non ha usato parole meno dure: “Ti sei tatuata! Mi vergogno che tu sia mia figlia!”

I genitori di Giacomo volevano che facesse carriera nell’esercito. Che altro, sennò? Il suo bisnonno, suo nonno e suo padre avevano tutti prestato servizio nell’esercito. Suo nonno era addirittura un generale…E Giacomo voleva…cucinare. Fin da quando era piccolo, creava ricette e preparava torte, ma aveva paura di parlarne con i suoi genitori. Quando l’hanno costretto a sostenere gli esami di ammissione all’accademia militare, ha semplicemente riconsegnato i fogli in bianco. Quando i suoi genitori l’hanno saputo, erano furiosi. Ora Giacomo ha 28 anni e lavora come chef in un famoso ristorante, ma suo padre ancora non gli parla.

I genitori di Tiziana l’hanno sempre disapprovata. Ogni sua scelta, dal loro punto di vista, era stupida e sbagliata. L’università sbagliata (“Non è molto moderna”), la professione sbagliata (“Chi ha bisogno di psicologi adesso? Ce ne sono già troppi”), l’uomo sbagliato (“È il meglio che puoi trovare?”), lo stile sbagliato di abiti (“Con il tuo fisico?”). Anche la sua acconciatura è sbagliata. Tiziana ci è abituata.

Eppure, ogni volta che sente un commento tossico, soffre ancora.

Ti suona familiare? I tuoi genitori ti giudicano?

Di seguito sono riportati vari assiomi importanti che dovresti trascrivere su un foglio di carta e rileggere regolarmente.

○ L’opinione di qualcuno, anche se si tratta di una persona molto vicina, è solo la SUA opinione e NON dice NIENTE su di te e sulle tue scelte. Non è tua responsabilità vivere nel modo in cui qualcun altro si aspetta. Hai una vita soltanto e nessuno te ne regalerà un’altra.

○ I genitori NON sanno cosa è meglio per te, anche se pensano di sì. Questa è una cosa importante da capire. Quando avevi 3 anni, sì, sapevano meglio di te quale cappello indossare, quale asilo scegliere, cosa cucinare per colazione. Ma non hai più tre anni e sai meglio di chiunque altro cosa ti serve per essere felice.

Ora vediamo cosa puoi fare.

1. Se i tuoi genitori ti giudicano, smetti di condividere con loro i dettagli della tua vita. Meno sanno, meno commenti non richiesti riceverai. Questi commenti possono solo sconvolgerti.

2. Parla con i tuoi genitori di argomenti “sicuri”. Magari puoi parlare tranquillamente con tua madre di programmi TV e salute. Se gli argomenti della tua vita personale, però, le fanno desiderare in modo incontrollabile di intromettersi nel tuo spazio personale, allora questi argomenti per lei sono vietati.

3. Dovresti dire ai tuoi genitori che cosa è inaccettabile per te, una volta per tutte. Ad esempio: “Mamma, non toccheremo più l’argomento della scelta dell’asilo per Bianca. L’abbiamo scelto io e Giorgio e ci piace.”

Oppure: “Ti chiedo di non parlare del mio aspetto in generale, e del mio corpo in particolare, altrimenti dovremo comunicare molto meno spesso.”

4. Smetti di aspettare l’approvazione. È triste, sì… ☹ Ma è ora di accettare il fatto che i tuoi genitori non possono darti ciò di cui hai bisogno. Essere di supporto non è qualcosa di cui sono capaci. Più a lungo aspetti una mela sotto un pero, più rimarrai deluso.

5. Controlla le tue reazioni alla situazione. Impara a non reagire alle parole e alle frasi che sono fattori scatenanti. Prenditi cura di te.

6. Molto probabilmente i tuoi genitori pensano di agire nel tuo migliore interesse (“Ti vogliamo bene!”), ma questo non significa che devi ascoltarli o fare come dicono.

Seguici su Instagram: